A metà strada verso casa

nel vivo della pietra
ogni cellula appesantita dal piombo in me precipita
appare miraggio la morte
come l’urlo spaventoso d’un coyote,
mi separa da lei la notte;
battere d’ali contiguo alle mura
città invisibile – ci contiene
carrozze di carta pesta e polpacci doloranti
– solo occhi, di tanto in tanto.
Un lascito ch’è morso,
osa irrederci –
così viva la carne
da farmi temere il peggio.
Troppo presto e troppe volte su questa via,
fa luce a giorno.

 

Angela Fragiacomo – 23.08.2014
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Angela Fragiacomo
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.