Dal ramo più alto

Erin
poteva vedere,
leggere i minuscoli gesti
di sua madre

l’ampia gonna volare
la seta macchiarsi d’erba

poteva contare lumache,
con la punta del dito a coprire lo sguardo
metterle in salvo;

dove
il fischio dei treni dilegua
poteva pensare
come civetta girare la testa

solo schegge cadevano giù
orina e legna –

poteva dormire sulla schiena
agiarsi come agitarsi, nei cerchi del tronco

ridere
del piccolo ragno

smettere smettere
qualsiasi cosa viva le si infilasse dentro
da ogni buco

 

Angela Fragiacomo – 17.05.2014
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Angela Fragiacomo
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.