Morte e ipocrisia

Dal web

Mi maschero
piango e rido.
Esco
cammino
mi avvicino.
Non incontro nessuno.
Ci sono migranti nella neve,di notte, rischiano il congelamento se non ridono non si vedono.
Riconosco il valico e mi apposto con cibo medicinali e abbigliamento adatto al caso:
fa freddo, soprattutto quando si deve tornare indietro…
Sono come la pece spalmata sottocutanea: brucia!
La concorrenza è sleale
oltre confine non ascoltano
non accolgono, ci hanno lasciati soli…non tutti però, alcuni hanno portato i cani…
Ce li siamo mangiati!

Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Col cavolo

Renato Guttuso – Cavoli sul tavolo rosso, 1942

Tre gambe d’un tavolo
intorno al cavolo.
Fonetica estetica
ritmica metrica.
A volte il non senso
ha più credibilità.
Certo è che t’amo:
la puzza di cavolo però…

Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Pus (o del tempo essudato)

By Angie

Il vuoto che mi porto dentro
è un posto freddo, siderale.
Mi hanno ucciso più d’una volta
e ancora una volta sono qui ad aspettare
d’essere resuscitato da un battito
un solo battito: il tuo.
Non ci sei
non ci puoi essere
la ferita s’infetta sempre più!
Sarà la notte che porterà consiglio?
O ci si sveglierà domani
allungando il braccio sul lato destro a cercare
toccando il cuscino freddo
inerme, costernato, malinconico,
solidale con la mia solitudine?
La risposta la trovi nel vento
diceva il poeta:
seduta ad aspettare il mare
il tempo distribuisce più ossigeno da spendere
ed energie da soffocare…

Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Potessi scegliere

Chloe Mayo

Potessi scegliere un sentiero
sceglierei te.

Poiché nulla è più
naturale della morte

nulla è più triste
che avviarsi al fine

senza percorrerti.

13.02.2011
Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Mai vista tanta neve così

Caspar David Friedrich – Der Wanderer über dem Nebelmeer

Non è facile essere poesia.
La poesia mette a nudo
spoglia del superfluo
colloca d’innanzi all’infinito.
Invita sul palco ad assistere, protagonista,
al teatro della vita che si trascina senza posti a sedere.
Una battuta dovevi dire:
ma essendo figlio degli scogli
l’hai sbagliata…
Mai vista tanta neve così!

Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.