Alla Marina

sfiora i pennacchi delle palme il vento
sbuffa il tormento sull’onda

passa la solita moina arrancando
arrecando danni sulla sabbia
– le dita nei capelli –

sprofonda il giorno ancora da venire
nel baluginar del sogno
– ancheggia provocando –

a quel gioir di note e di parole
canta alla vita un pescatore
– l’anima negli scalmi –

di gioventù ragiona…

18.10.2011
Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Amava e non sapeva come

E ora
spurgo il dolore, quello becero
quello da sputare
come acido rigurgito

Quello che mai avrei creduto
ancora

Stasera mi guarderò allo specchio
cercando dove
s’annida il male, dove mi solca
come un segreto

Magari me lo strapperò di dosso
magari ci scriverò sopra
di una bambina che amava
il mare, e amava, senza insegnamento

E amava e non sapeva come

14.10.2011
Angela Fragiacomo
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Sarà la notte

so che sarà la notte
a sollevare il peso del futuro
sarà una piuma
il labbro tuo ch’attende
godo
della complicità clemente
a questa solitudine
appesa al muro

e meno tempo per le attese…

10.10.2011

Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Da troppo tempo

forse non è giusto o forse è giusto così…
scusami, ti prego
a volte l’anima si confonde
con questa pioggia battente che
da troppo tempo, allaga il mio tormento…
a volte, bisognerebbe
tentare una manovra azzardata
fermarsi alla prima stazione…
a volte, la vita carica il suo fardello
su pile esauste d’emozione
a volte, ci si condanna a voler capire
cosa vuol dire, un giorno, dover morire…
ieri, era un giorno di quelli
uno stupido giorno fra i tanti
in cui si pigia sull’acceleratore
ed il freno non riesce a funzionare…
vorrei baciare almeno la tua voce
lavar dal fango lo specchietto retrovisore
quello dove, con il rossetto, disegnasti
un cuore
e non lo trovo per niente banale…

4.11.2011
Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

 

Se io fossi con te

ci si potrebbe accovacciare nell’angolo più lontano
pennellando note di gioia

ingarbugliare cravatte a foulard
facendo nodi alle finestre per scappare

s’io fossi con te

nulla sarebbe più strano di un addio
nulla varrebbe la pace di questo silenzio

m’assento per dir che t’amo…

3.10.2011
Aldo Bilato
Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.